OK We use cookies to enhance your visit to our site and to bring you advertisements that might interest you. Read our Privacy and Cookies policies to find out more.
OK We use cookies to enhance your visit to our site and to bring you advertisements that might interest you. Read our Privacy and Cookies policies to find out more.

News Italy

Foto centralina ingoiabile
0 Comments Dec 10, 2015 | News Italy

Ingoiare una capsula per monitorare le condizioni respiratorie

Post a comment by Surgical Tribune Italia

STATI UNITI – Massachusetts: Una mini centralina ingoiabile per misurare costantemente il ritmo del cuore e del respiro: è la minuscola capsula ideata da Gregory Ciccarelli, del Massachusetts Institute of Technology (Mit), per monitorare senza creare disagi le condizioni di pazienti affetti da aritmie o problemi respiratori oppure seguire lo stato di salute dei soldati sul campo di battaglia o perfezionare l'addestramento degli atleti.

Isaac Asimov continua ad essere fonte di ispirazione: dal suo “viaggio allucinante” che ha fatto sognare milioni di medicini e non solo in tutto il mondo, continuano a essere pubblicate ricerche che sfruttando le nuove tecnologie permettono nuovi e sconfinati percorsi di cura e analisi del corpo umano. L’ultima novità dagli Stati Uniti è una mini centralina che come l’astronave miniaturizzata del genio della fantascienza sarà digeribile permettendo una misurazione costante del cuore e del respiro. Il dispositivo è delle dimensioni di una normale pillola e una volta ingerito può trasmettere i suoi dati a una distanza di 3 metri. Per ora è stato sperimentato solamente sui maiali, ma si prevede a breve di fare test anche sull'uomo. Per alcune problematiche, come aritmie cardiache o problemi respiratori, è fondamentale avere dati accurati raccolti costantemente per almeno 24 o 48 ore, ma i dispositivi usati oggi hanno molte limitazioni dovute all'ingombro o al fastidio dell'indossarli, tanto da poter dare dati falsati.

Per ovviare a questi problemi i ricercatori americani hanno messo a punto una mini capsula dotata di un microfono che, una volta ingerita, riesce ad "ascoltare" il suono dei battiti cardiaci e della respirazione, una sorta di micro-stetoscopio. La capsula viene ingoiata e percorre tutto l'intestino in 1 o 2 giorni prima di essere espulsa, registrando oppure inviando i dati all'esterno in tempo reale. Secondo i ricercatori, questo tipo di metodo sarebbe capace di fornire dati molto precisi e non falsati dalla scomodità dei dispositivi attuali, come le cinture Holter usate per controllare le condizioni del cuore. Lo stesso tipo di capsule potrebbero in futuro essere usate anche per fare mini test per riconoscere specifiche molecole e per rilasciare farmaci direttamente nel tratto intestinale.
La scoperta è stata pubblicata sulla rivista “Plos One”.
 

Post a comment Print  |  Send to a friend
0 Comments
Join the Discussion
All comments are subject to approval before appearing. Submit Comment