OK We use cookies to enhance your visit to our site and to bring you advertisements that might interest you. Read our Privacy and Cookies policies to find out more.
OK We use cookies to enhance your visit to our site and to bring you advertisements that might interest you. Read our Privacy and Cookies policies to find out more.

News Italy

Un nuovo studio ha scoperto come giorno della settimana, in cui si effettua l’intervento chirurgico può influenzare i tassi di sopravvivenza nel cancro esofageo. (Foto: Icatnews/Shutterstock)
0 Comments Dec 2, 2015 | News Italy

Il cancro dell’esofago: influisce sulla sopravvivenza il giorno in cui si effettua l’intervento chirurgico?

Post a comment by Dental Tribune International

Stoccolma, Svezia: Il cancro esofageo è uno dei tumori più letali in tutto il mondo, classificato al sesto posto per mortalità. Uno studio del Karolinska Institutet ha scoperto un collegamento sorprendente con il giorno della settimana in cui si effettua l’intervento chirurgico il che può essere decisivo per la sopravvivenza a lungo termine in pazienti.

Per valutare se il giorno della settimana scelto per l’intervento chirurgico influenzi i tassi di sopravvivenza nel cancro esofageo, i ricercatori hanno analizzato i dati di 1.748 pazienti operati per questa malattia in Svezia tra il 1987 e il 2010, verificando che il tasso di mortalità a cinque anni era superiore del 13% nei pazienti che avevano subito la chirurgia tra mercoledì e venerdì, rispetto a chi era stato operato il lunedì o il martedì.

Secondo i ricercatori, la differenza emergeva anche dopo aver tenuto conto di fattori che potenzialmente possono influenzare quali età, altre malattie, la fase e il tipo di tumore, il pretrattamento con farmaci citostatici e radioterapia e l'esperienza del chirurgo in questo specifico ambito.

«Il meccanismo che dà origine al risultato è ancora sconosciuto» ha detto il Prof Jesper Lagergren dal dipartimento di medicina molecolare e Chirurgia dell'Università. «Ma è possibile che la precisione chirurgica in una certa misura venga in qualche modo meno verso la fine della settimana, forse dovuta alla stanchezza accumulata dal chirurgo e dal team».

La chirurgia del cancro dell’esofago è generalmente considerata impegnativa in quanto richiede in media circa 6,5 ore di intervento. Inoltre, è un fatto riconosciuto tra gli esperti medici che l'esperienza del chirurgo ha un impatto fondamentale sulla possibilità del paziente di sopravvivere.

Il legame tra i giorni feriali della chirurgia e la sopravvivenza è risultato più forte per i tumori in fase iniziale (0-I), moderata per i tumori di stadio medio (II) e inesistente per i tumori di stadio avanzato (III-IV). Secondo i ricercatori, tale mancanza nei tumori in fase avanzate può essere dovuto generalmente alla bassa probabilità di guarigione rispetto a quelli in fase iniziale, in cui la chirurgia ha un impatto maggiore sui risultati a lungo termine.

Ulteriori studi sono necessari per confermare i risultati prima di arrivare alle raccomandazioni cliniche, ha detto Lagergren. Tuttavia, se i risultati saranno confermati, la chirurgia del cancro esofageo dovrebbe essere previsto principalmente all'inizio della settimana, ha concluso.

Le statistiche del Cancer Research UK mostrano che il cancro esofageo è la sesta più comune causa di morte per cancro in tutto il mondo, con circa 400.000 morti nel 2012 (5 per cento di tutti i decessi per cancro). Vari studi lo associano a fattori quali fumare, bere il tè caldo, il consumo di carne rossa, la scarsa salute orale, il basso apporto di frutta fresca e verdure e il basso status socio-economico, ad un elevato rischio di sviluppare la malattia.

I risultati dello studio sono stati pubblicati online il 10 novembre sulla rivista Annals of Surgery in un articolo intitolato "Weekday of esophageal cancer surgery and its relation to prognosis".

Post a comment Print  |  Send to a friend
0 Comments
Join the Discussion
All comments are subject to approval before appearing. Submit Comment